Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Bimbo fulminato a Sant'Angelo: condannati tecnici e titolare


.

Bimbo fulminato a Sant'Angelo: condannati tecnici e titolare
21/03/2013, 10:47

ISCHIA - Il rappresentante legale dell’impresa di illuminazione pubblica, Gaetano Santaniello, l'ex responsabile dell' ufficio tecnico di Serrara Fontana, architetto Giuseppe Barbieri e l'architetto Tommaso Mattera incaricato della manutenzione dell' impianto di pubblica illuminazione di Serrara Fontana sono stati condannati dal giudice monocratico della sezione distaccata di Ischia del Tribunale di Napoli, Adele Verde, a due anni e due mesi di reclusione per omicidio colposo in relazione alla morte del piccolo Alessio Ucciero, avvenuta la sera del 16 luglio 2007. Il bambino, che aveva appena quattro anni, restò fulminato nel borgo turistico di Sant' Angelo, sull' isola d' Ischia, dopo aver toccato con il piede una lampada della pubblica illuminazione. Sono stati assolti invece l'ex e l'attuale dirigente dell'Ufficio tecnico del Comune di Serrara Fontana, Giuseppe Mattera ed Alessandro Vacca. Il Tribunale ha anche condannato gli imputati al pagamento dei danni. Questo è stato il commento del Dott. Alfredo Sorge, Avvocato della famiglia Ucciero. "Inadeguatezza e pericolosità dell'impianto; assenza di una anche minima manutenzione: questo è quanto emerso dal procedimento penale, che si è concluso con le condanne di oggi", ha affermato l'avvocato Alfredo Sorge all’Ansa. "E' giusto che si sappia cosa è avvenuto al borgo di Sant'Angelo di Ischia nel 2007 – ha aggiunto l'avvocato Sorge - dalla morte del piccolo Alessio e dopo, in quasi sei anni nessuno ha sentito il bisogno di venire incontro alle difficoltà di una famiglia distrutta dal dolore più atroce che si possa provare, fino alla odierna pronuncia giudiziaria che vede i suddetti imputati e l'ente pubblico dichiarato colpevole. Speriamo – ha concluso l'avvocato Sorge - che la sentenza possa portare giudizio nell’operato dell’amministrazione isolana”.

Commenta Stampa
di Gennaro Savio
Riproduzione riservata ©