Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Bimbo massacrato, il convivente della madre resta in carcere


Bimbo massacrato, il convivente della madre resta in carcere
01/06/2009, 18:06

Dopo la decisione del Tribunale del Riesame sulla richiesta avanzata dai suoi legali, non sarà scarcerato Paolo Arrigo, il commerciante imperiese di 24 anni arrestato con l’accusa di omicidio preterintenzionale in concorso, in merito alla morte di Gabriel , il bambino di 17 mesi deceduto in seguito alle (sistematiche) percosse che arrivavano tra le mura di casa. Il piccolo morì il 14 maggio scorso, ad Imperia, e nella circostanza fu arrestata anche la madre, Elizabete Petersone, 20 anni, attualmente detenuta con la stessa accusa di Arrigo. Inizialmente la donna aveva parlato di una leucemia fulminante per spiegare le ecchimosi notate sul corpo del bambino, ma i medici avevano appurato che si trattava invece di calci e pugni che avevano procurato anche danni ben peggiori.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©