Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Resistenza a pubblico ufficiale

Bimbo Padova: denunciati zia materna e nonno

Il Ministro Cancellieri interviene sulla vicenda

Bimbo Padova: denunciati zia materna e nonno
12/10/2012, 10:20

PADOVA – Sviluppi sulla vicenda del bambino di 10 anni  prelevato con la forza ieri da scuola su ordine del Tribunale dei Minori.  La zia materna ed il nonno del bambino  sono stati segnalati dalla Questura di Padova alla magistratura per le ipotesi di oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale e inosservanza di un provvedimento dell'autorità giudiziaria. La scena del trascinamento del bambino di Cittadella (Padova) da parte di poliziotti "richiede che anche in questa sede, come fatto ieri dal capo della polizia ieri, vengano espresse le scuse del Governo". Ha dirlo  il sottosegretario all'Interno, Carlo De Stefano, in un'informativa alla Camera, rilevando che "la crudezza delle immagini offusca altri casi in cui i poliziotti si sono comportati in modo corretto e responsabile. Il comportamento degli agenti "non è sembrato adeguato ad un contesto ambientale difficile e ostile che avrebbe potuto suggerire altre modalità operative".

E  sulla vicenda del bimbo, stamattina è intervenuto anche il ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri  in un'intervista al Gr1, ha così commentato: "Quelle immagini sono drammatiche, comunque turbano molto perché vedere un bambino trascinato così è una cosa che colpisce molto".  A poi aggiunto:  "Però all'emotività dobbiamo rispondere con la razionalità. Il capo della polizia ha aperto un'inchiesta sull'argomento. Dobbiamo capire cosa è successo e perché".

Secondo il ministro dell'Interno, è importante capire "tutto quello che c'è dietro questa vicenda che comunque è drammatica". "Ai genitori di Leonardo - avendo una situazione di quel genere ove saranno un contro l'altro armati da quello che leggo - voglio dire che quello che conta è il bambino. Per amore di un figlio si deve essere disposti anche a dei sacrifici".

Intervenendo, invece,  sul comportamento degli agenti di polizia, durante il “blitz”  nella scuola di Cittadella il capo della polizia Manganelli ha disposto un'indagine interna. "Se si sono comportati male - ha ribadito il ministro Cancellieri - avranno quello che la disciplina prevede. Se sono fatti complessi che appartengono ad altri enti, la polizia è andata di supporto".

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©