Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si svolgeranno domani i funerali del piccolo

Bimbo rom morto in incidente, indagato lo zio


Bimbo rom morto in incidente, indagato lo zio
15/06/2010, 19:06

BERGAMO – Dovrà rispondere di omicidio colposo lo zio del bimbo rom di tre anni e mezzo investito e ucciso da un'auto, nel pomeriggio di ieri, in un campo alla periferia di Cortenuova, nella Bassa Bergamasca.
Giosuè Demeter, questo il nome del piccolo, è deceduto a seguito del drammatico impatto.
Al momento della tragedia, al volante della vettura che ha investito Giosuè, c'era lo zio. Per questo l'uomo, è stato denunciato in stato di libertà.

Il 32enne, domiciliato in Spagna, adesso è accusato di omicidio colposo. Sulla vicenda stanno indagando i carabinieri della Compagnia di Treviglio in provincia di Bergamo, che, giunti sul luogo dell'incidente, hanno effettuato i rilievi del caso.
Chiara la dinamica della tragedia; gli inquirenti hanno, infatti, confermato che si è trattato di un urto accidentale avvenuto durante una manovra in retromarcia.
Il bimbo insomma si trovava proprio dietro l'auto di suo zio che non si è accorto di lui e lo ha investito. E' stato il 32enne stesso che, dopo l'incidente, ha caricato il nipote in macchina e lo ha portato al pronto soccorso dell'ospedale di Romano di Lombardia in provincia di Bergamo per cercare di salvargli la vita.
All'arrivo nella struttura ospedaliera, le condizioni del bambino, però, sono apparse sin da subito disperate.
Data la gravità della situazione, i medici hanno deciso di trasferirlo in elicottero agli Ospedali Riuniti di Bergamo, dove, purtroppo, il piccolo, è arrivato già morto. Il cuore di Giosuè, infatti, ha smesso di battere durante il trasferimento. Sempre nella giornata di ieri, i nomadi hanno sgomberato il piazzale adiacente al centro commerciale “Le Acciaierie”, in cui stazionavano da giorni e si sono trasferiti nell'hinterland di Bergamo, tra Curno e Seriate.
Intanto, saranno celebrati nel pomeriggio di domani, a Vimercate in provincia di Milano, i funerali del bimbo.

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©