Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il "gatto assassino", nuova pista al vaglio degli inquirenti

Bimbo ucciso da un vaso, forse a spingerlo è stato un gatto

Il ragazzo è stato ucciso a San Giovanni lunedì

Bimbo ucciso da un vaso, forse a spingerlo è stato un gatto
12/09/2012, 19:06

ROMA – Proseguono le indagini per la morte di Christian Giacomini, colpito in testa da un vaso lo scorso lunedì, mentre passeggiava con la mamma nel quartiere San Giovanni. Si apre così una nuova pista: non sarebbero stati più i fratellini irrequieti a spingere involontariamente il vaso bensì un gatto.

Maria Grazie Capizzi, padrona del felino, era assente da casa al momento del tragico evento, ma il pm Giuseppe Cascini ha scritto il suo nome sul registro degli indagati per omicidio colposo in quanto aveva sistemato il vaso sul davanzale senza le opportune protezioni.

Si esclude quindi la pista dei due bambini che avrebbero urtato il vaso in attesa del loro turno nello studio dentistico che confina con l’appartamento della signora Capizzi. “Quel vaso, di cui e’ rimasta l’orma sul davanzale, può essere raggiunto con una certa difficoltà da chi si trova nell’ appartamento accanto, dove si trova lo studio dentistico.  Non escludiamo, appena il quadro di quanto avvenuto sarà più chiaro, di sentire i due bambini”. Questi i commenti degli investigatori.

Commenta Stampa
di Claudia Annunziata
Riproduzione riservata ©