Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il guasto ha colpito parte delle città

Black out: Napoli si è svegliata al buio


.

Black out: Napoli si è svegliata al buio
22/07/2009, 11:07

Un guasto al cavo 220 kV  'Astoni-Napoli Centro', che alimenta circa 70 mila  napoletani nei quartieri Chiaia, Vomero, Piazza  del Plebiscito, Porto, e zona orientale ha provocato diversi disagi stamani.  Il "buio" ha fruttato e sta tutt'ora creando disagi che interessano una vasta zona di Napoli. Il capoluogo partenopeo si è svegliato al buio e non per causa dell'eclissi solare come è invece avvenuta in oriente, ma a causa di un guasto che dalle 8 sta mettendo in ginocchio diverse attività cittadine.
La zona interessata è ricca di uffici ed enti publici: Sull'ospedale Loreto Mare e  sulla Prefettura si è intervenuti immediatamente attivando una  linea alternativa. Ancora al buio, invece, l'università. Disagi infatti si registrano nell'edificio centrale e negli  uffici di Mezzocannone e Porta di Massa della Federico II. Anche  i telefoni funzionano a scartamento ridotto. Numerose le  chiamate da parte di privati ai vigili del fuoco.
Le squadre, prontamente  intervenute per circoscrivere il guasto, sono riuscite a  rialimentare più del 75% della clientela già alle 9. Grazie a  manovre in telecomando delle linee di media tensione è stato  rialimentato in circa 20 minuti l'Ospedale Loreto Mare e la sede  centrale della Prefettura". "Al momento - si sottolinea - risultano ancora disalimentati  parte delle aree di zona Porto, Posillipo, Mergellina, Via  Toledo. I tecnici Enel e Terna stanno lavorando in forze per  ridurre al minimo i disagi che si stima possano essere contenuti  nel giro di un'ora".

Commenta Stampa
di Agostino Falco
Riproduzione riservata ©