Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Avevano investito sulla produzione di generi alimentari

Blitz al clan dei Polverino: 39 in manette

Sequestrati beni per circa un miliardo di euro

.

Blitz al clan dei Polverino: 39 in manette
06/05/2011, 14:05

Avevano escogitato un piano “pulito” per riciclare tutto il denaro sporco accumulato con traffici illeciti. I Polverino, clan di spicco della zona di Quarto e Marano, dopo il maxi sequestro eseguito dai carabinieri per un totale di un miliardo di euro circa, sono stati costretti a posare farina e grano. Proprio  cosi, gli eredi del clan Nuvoletta avevano investito nella produzione di generi alimentari: uova, carne, caffè, farina. Sul pane il monopolio più grosso: il bene di prima necessità era infatti “imposto” ai moltissimi negozianti di Napoli e provincia. “Il Vostro Fornaio” è il nome dell’azienda che guidava le operazioni alimentari, insieme al centro commerciale “Volto Santo” e all’azienda “Mar. Carni”. Gli agenti hanno sequestrato: 106 appezzamenti di terreno, 175 appartamenti, 19 ville, 18 fabbricati, 141 locali, 43 società, 14 ditte individuali, 17 autovetture, 62 autocarri e 23 motocicli. Gli affari andavano bene anche in Spagna, dove le società avevano succursali a Barcellona, Alicante e Malaga. La mente dell’operazione commerciale che girava intorno ai generi alimentari, è quella di Giuseppe Polverino, probabilmente nascosto in Spagna dove vivrebbe da molti anni. Con il maxi sequestro, il clan Polverino perde 39 uomini, arrestati e accusati a vario titolo di associazione per delinquere di stampo mafioso, tentato omicidio, usura ed estorsioni, traffico e spaccio di stupefacenti.

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©