Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Colpo delle forze dell'ordine. Pesce e mitili sequestrati

Blitz al mercato ittico, la rabbia dei commercianti


.

Blitz al mercato ittico, la rabbia dei commercianti
19/12/2009, 11:12


TORRE ANNUNZIATA – E’ scattato alle prime ore del mattino il blitz delle forze dell’ordine al mercato ittico di Torre Annunziata. Carabinieri, guardia costiera ed esercito hanno preso d’assalto la zona portuale oplontina alle ore quattro di questa mattina, dopo controllo dei medici sanitari dell’Asl. Un risveglio amaro per i commercianti del pesce, così come per quanti ogni fine settimana, e soprattutto in prossimità del Natale, animano il mercato ittico. E invece questa mattina l’irruzione delle forze dell’ordine ha messo ko il commercio natalizio del pesce e dei mitili.
Il blitz, ha però scatenato le proteste dei commercianti del posto. Secondo la guardia costiera, tutta la merce sarebbe stata sequestrata perché in cattivo stato di conservazione. Di diverso parere gli ambulanti, che puntano il dito contro l’amministrazione comunale. I sequestri, e la conseguente chiusura degli esercizi di vendita, infatti, appaiono come l’epilogo di una vicenda molto più lunga e complicata, e che non ha nulla a che vedere con la qualità della merce messa in vendita. Da anni ormai il Comune promette ai cittadini la creazione di un vero e proprio mercato ittico, con sistema di controllo della qualità della merce annesso. Alla creazione del mercato, sarebbe dovuta seguire la regolarizzazione del lavoro degli ambulanti, con l’acquisizione di licenze per la vendita.
“Una promessa mai mantenuta”, urlano i pescivendoli oplontini, che ammettono di aver anche sostenuto un corso per la licenza agevolata, ma di non esser mai stati messi in regola. Una questione che va avanti senza sosta da circa vent’anni, e che questa mattina ha visto un incredibile risvolto. La guardia costiera, coadiuvata dall’esercito e sotto la direzione dei lavori del capitano dei carabinieri di Torre Annunziata, Luca Toti, ha posto a sequestro tutto il materiale custodito nelle pescherie. Un colpo basso per commercianti e acquirenti, ancor più perché compiuto a pochi giorni dalle festività natalizie. Tramite comunicato stampa, però, il Tenente Dario Gallo, della Guardia Costiera di Torre Annunziata, conferma i motivi del sequestro. L’intervento delle forze dell’ordine è stato preceduto dal controllo dell’Asl che ha riscontrato merce in cattivo stato di conservazione.
La spiegazione non convince gli ambulanti, pronti a dare battaglia al sindaco per ottenere quanto era stato promesso.

Commenta Stampa
di Salvatore Formisano
Riproduzione riservata ©