Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Blitz al Museo zoologico di Avellino, sequestrati animali imbalsamati


Blitz al Museo zoologico di Avellino, sequestrati animali imbalsamati
10/11/2009, 10:11


AVELLINO - Nei giorni scorsi, il personale del Servizio CITES di Napoli con la collaborazione della Sezione di P.G. della Procura di Avellino e la partecipazione dei nuclei operativi CITES di Napoli e Salerno,dopo un’intensa attività investigativa svolta anche con l’ausilio del NIPAF di Avellino, ha eseguito su delega dell’Autorità Giudiziaria perquisizioni locali presso un museo zoologico di Avellino e la residenza dei relativi responsabili, per la ricerca di reperti derivanti da specie protette. Le operazioni hanno avuto esito positivo con il ritrovamento di ben 169 esemplari imbalsamati e parti di animali appartenenti a specie incluse nella normativa di attuazione della Convenzione di Washington (CITES), nonché 2 tutelati dalle norme di protezione della fauna autoctona. Nella collezione, di alto pregio, rinvenuta sia presso la residenza del direttore che al Museo, privo di autorizzazione e riconoscimento da parte della Regione Campania, sono stati tra l’altro rinvenuti esemplari di tartarughe di mare (Caretta caretta, Eretmochelys imbricata, carapace di Chelonia mydas), tartarughe terresti (Testudo graeca e Testudo hermanni), parti di caimani (un dente del Caiman latirostiis) e coccodrilli (Osteolaemus tetraspis) per i quali alto è il rischio di estinzione in natura e per questo inseriti nelle liste di massima tutela. Inoltre, numerosi gli esemplari sequestrati di madrepore (Scleractinia), tra i quali uno dal diametro di circa mezzo metro. I responsabili del museo sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria e la collezione di reperti è a disposizione della stessa in attesa di confisca.
Grande stupore destano tali cospicui rinvenimenti di esemplari illecitamente detenuti, a distanza di quasi trent’anni dall’entrata in vigore della CITES in Italia e dopo intense campagne d’informazione svolte anche dalle associazioni ambientaliste ed animaliste.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©