Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Blitz all' alba dei Verdi Ecologisti in Villa Comunale: " oggi non sarà abbattuto nessun albero"


Blitz all' alba dei Verdi Ecologisti in Villa Comunale: ' oggi non sarà abbattuto nessun albero'
27/03/2013, 10:11

Blitz a prima mattina dei Verdi Ecologisti in Villa Comunale per controllare gli abbattimenti degli alberi ed evitare quello degli arbusti non considerati malati dagli esperti ambientalisti. Martedì mattina una delegazione di Verdi composta tra gli altri dal commissario regionale Francesco Emilio Borrelli, dal capogruppo del Sole che Ride al Consiglio comunale di Napoli Carmine Attanasio e dall’ architetto Cesare Pontoni, esperto in alberature secolari, avevano controllato uno per volta tutti e 31 gli alberi che il comune vuole abbattere riscontrando almeno 5 casi in cui le piante non sembravano in condizioni tali da giustificarne questa azione estrema.

“Secondo i nostri esperti –  spiega il capogruppo dei Verdi Ecologisti alla I Municipalità Diana Pezza Borrelli che stamattina guidava il gruppo di ambientalisti in Villa – l’abbattimento degli alberi non è necessario in tutti e 31 i casi. I cantieri infiniti della metropolitana e le cattive potature che si sono succedute negli anni a nostro avviso stanno uccidendo il patrimonio arboreo del parco. Se non si interviene presto temiamo che nel giro di pochi decenni tutti gli alberi andranno giù soprattutto se a causa dei lavori della metropolitana sono state compromesse le falde acquifere.

In ogni caso oggi non inizierà l' opera di abbattimento degli alberi per motivi tecnici e per verificare i casi degli arbusti che i nostri esperti hanno segnalato non essere in condizioni tali da dover essere buttati giù. In alcuni casi curare la vegetazione è più ragionevole di abbattere ogni albero con accenni di malattia. Se un uomo è malato non viene abbandonato ma viene curato pur di tenerlo in vita. La stessa cosa va fatta con queste piante abbandonate al loro destino e potate negli anni in modo criminale".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©