Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Blitz anti-droga ad Agnano: spacciatore in manette


Blitz anti-droga ad Agnano: spacciatore in manette
17/12/2009, 11:12

NAPOLI - Ieri sera i poliziotti del Commissariato P.S. S. Paolo hanno arrestato Salvatore Tutolo, 40enne napoletano per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini dello spaccio.
I fatti hanno avuto inizio ieri pomeriggio quando i poliziotti si sono recati presso l’abitazione di Tutolo in Via Raffaele Ruggiero già da tempo sotto osservazione in quanto sospettato di svolgere una fiorente attività di spaccio di sostanze stupefacenti. L’abitazione infatti era protetta da un sofisticato sistema di videosorveglianza e da un cancello di ferro che permetteva la vendita delle “bustine” attraverso le sbarre senza la necessità di aprirlo.
Alcuni poliziotti si sono pertanto introdotti nell’appartamento mentre altri sono rimasti nelle vicinanze delle finestre in attesa che Tutolo, accortosi dell’arrivo della Polizia attraverso l’ingresso, avesse gettato l’eventuale scomodo pacchetto per liberarsene.
I fatti hanno dato ragione all’intuito della Polizia. Tutolo infatti, accortosi dell’arrivo degli agenti attraverso la visione offertagli dal sistema di sorveglianza, si è immediatamente preoccupato di gettare dalla finestra due scatole di cartone avvolte da nastro isolante, prontamente raccolte dai poliziotti che ne hanno subito rilevato il contenuto consistente in 4 sacchetti di marijuana ed un bilancino di precisione.
Una volta entrati nell’appartamento i poliziotti hanno quindi dato inizio ad una scrupolosa perquisizione locale che ha ben presto dato i suoi frutti. In una scatola di scarpe posta in uno sgabuzzino sono stati infatti rinvenuti numerosi sacchetti di cellophane a chiusura ermetica già suddivisi per tipo di sostanza e quantitativo, 13 stecche di sostanza stupefacente solida di colore marrone avvolte da cellophane, numerosi pezzi della medesima sostanza contenuti in un altro sacchetto, 84 involucri monodose termosaldati contenenti sostanza polverose di colore bianco.
Tutolo a questo punto ha deciso di consegnare spontaneamente circa 600 Euro sicuro provento dell’illecita attività.
La perquisizione ha però dato un inaspettato frutto quando gli agenti hanno rinvenuto una chiave per l’apertura di una porta d’ingresso non dell’appartamento in cui si trovavano ad operare. In breve è stato accertato che si trattava di un appartamento di proprietà del padre di Salvatore Tutolo che quest’ultimo utilizzava come base d’appoggio.
Recatisi sul posto insieme allo stesso Tutolo, i poliziotti hanno perquisito anche questo secondo appartamento all’interno del quale è stato rinvenuto un borsone contenente numerosi sacchetti di cellophane con sostanza vegetale, alcuni involucri elettrosaldati con sostanza polverosa di colore bianco ed un bilancino di precisione.
Salvatore Tutolo è stato pertanto arrestato e subito tradotto presso la Casa Circondariale di Poggioreale.
La sostanza stupefacente complessivamente rinvenuta e quindi sequestrata è risultata essere costituita da circa 2,6 chilogrammi di Marijuana, circa 130 grammi di Cocaina e circa 130 grammi di Hashish.
Gli agenti hanno inoltre smontato e sequestrato le telecamere del sofisticato sistema di videosorveglianza di cui l’appartamento di Tutolo era dotato.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©