Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Estorcevano denaro per attività terroristiche

Blitz antiterrorismo: scoperta cellula del Pkk in Italia

Scattano le manette per 5 cittadini turchi

Blitz antiterrorismo: scoperta cellula del Pkk in Italia
27/03/2012, 09:03

ROMA – Avevano il compito di riscuotere, attraverso le estorsioni, una sorta di “tassa rivoluzionaria” nei confronti degli immigrati curdi in Italia: i soldi ricavati venivano poi utilizzati per finanziare operazioni terroristiche del Pkk. Il nuovo blitz antiterrorismo ha fatto scattare in Italia le manette per cinque cittadini turchi di etnia curda, aderenti al Pkk (Partito dei Lavoratori Curdi, incluso nelle liste terroristiche dell’Ue), accusati di concorso nel tentativo di estorsione e di lesioni gravi, commesse con l’aggravante del terrorismo. Nell’ambito della stessa operazione, eseguita dalla polizia di Stato di Venezia, sono state compiute anche diverse perquisizioni domiciliari.
A far scattare le indagini fu, alcuni mesi fa, un grave episodio di violenza sfociato nel pestaggio di un cittadino turco, titolare di una rivendita di kebab della provincia di Venezia. I successivi approfondimenti hanno fatto venire alla luce la matrice politica della vicenda e hanno consentito così di scoprire l’attività di estorsione messa in atto dagli appartenenti ad una cellula del Pkk, che operava nell’Italia settentrionale. Questa, infatti, aveva una serie di membri che eseguivano estorsioni.
Gli arresti di oggi si inseriscono in un’attività pianificata da parte della Direzione centrale Antiterrorismo della Polizia, nei confronti delle organizzazioni terroristiche di matrice etnico-indipendentista. L’operazione della Digos di Venezia, infatti, segue quella della polizia di Terni lo scorso 21 febbraio: in quell’occasione fu smantellata una rete di supporto all’organizzazione terroristica turco-curda Hezbollah, con l’arresto di 9 persone che favorivano l’immigrazione clandestina. Con l’operazione di oggi gli investigatori hanno inciso, per la prima volta in Italia, nel meccanismo di raccolta fondi destinati all’organizzazione terroristica.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©