Cronaca / Droga

Commenta Stampa

La donna è moglie di un affiliato al clan Vollaro di Portici

Blitz della polizia, arrestata 31enne in possesso di droga


.

Blitz della polizia, arrestata 31enne in possesso di droga
30/06/2010, 16:06

PORTICI –E’ stata arrestata dagli agenti del commissariato di Polizia di Portici-Ercolano una 31enne per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.
Si tratta di Anna Maria Marigliano, che è stata sorpresa con la droga nel materasso del letto matrimoniale.
Il blitz dei poliziotti è scattato nella mattinata di ieri quando hanno fatto irruzione nell’abitazione della donna in via Bellucci Sessa, nel centro storico di Portici.
In un primo momento, la 31enne, alla vista degli uomini in divisa, ha mantenuto la calma, convinta che il nascondiglio scelto per occultare la droga fosse sicuro. Tuttavia i poliziotti, coordinati dal primo dirigente Giovanni Mandato, appena entrati nell’appartamento si sono subito recati in camera da letto perquisendola a fondo. Gli agenti hanno aperto il materasso del letto matrimoniale e qui, hanno rinvenuto 32 dosi di marijuana, confezionate in bustine.
La droga è stata immediatamente sequestrata.Per Anna Maria Marigliano sono dunque scattate le manette ed è stata arrestata con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. Dopo gli accertamenti di rito, la donna è stata tradotta nella casa circondariale di Pozzuoli in attesa della convalida dell’arresto.
La 31enne è moglie del ras Massimiliano Bifulco, arrestato, nel periodo natalizio, dagli agenti del commissariato di Portici con l’accusa di tentata estorsione. L’uomo finì in manette con altri tre complici, tutti affiliati al clan Vollaro. Per questo, gli inquirenti sospettano che la 31enne arrestata, nascondesse la droga per conto dei pusher del clan porticese che poi, materialmente la spacciavano nel centro storico della città.
L’arresto di ieri, dunque, potrebbe aver smantellato una delle piazze di spaccio del clan Vollaro

Commenta Stampa
di Elisa Scarfogliero
Riproduzione riservata ©