Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La presidentessa ha tastato l'efficienza dei servizi

Blitz della Polverini su un treno regionale


Blitz della Polverini su un treno regionale
14/05/2010, 21:05

ROMA – Lo aveva annunciato all’atto dell’insediamento: “la mia sarà una giunta trasparente, i miei assessori non perderanno il contatto col quotidiano”. Così, a dare il buon esempio è stata proprio lei, Renata Polverini. La neoeletta presidentessa della Regione Lazio si è presentata a sorpresa su un treno delle Ferrovie dello Stato, per tastarne il funzionamento. Una levataccia, un viaggio all’alba sul treno che porta di solito i pendolari da Velletri a Roma passando per i Castelli Romani. “Per toccare con mano” – ha spiegato lei stessa – “le condizioni in cui sono costretti a muoversi i passeggeri”.
Purtroppo, però, l’idea del blitz in stazione era trapelato dagli uffici regionali e dunque il treno non ha fatto neanche un minuto di ritardo, le carrozze erano pulitissime, addirittura c’erano i deodoranti all’interno dei servizi igienici.
A confermare che c’era qualcosa di “strano” rispetto all’abituale stato in cui versano le carrozze, sono stati gli stessi pendolari, che raccontano di situazioni ben diverse: sedili fatiscenti, poche corse, escrementi ovunque. Senza considerare che per anni lo stesso treno ha portato un sistematico ritardo di oltre 40 minuti. La neo-governatrice, dopo aver ascoltato le lamentele di tutti, ha sottolineato l’esigenza di intervenire in modo tempestivo per garantire l’efficienza del servizio e ha aggiunto di aver già aperto un confronto con Trenitalia “che deve rispettare con maggiore puntualità il contratto di servizio”.

Commenta Stampa
di Ornella d'Anna
Riproduzione riservata ©