Cronaca / Droga

Commenta Stampa

Trovati nei libri masto anche minori-pusher

Blitz tra Roma e Latina, libri neri per l'attività di spaccio

Vedetta per la consegna dela droga

Blitz tra Roma e Latina, libri neri per l'attività di spaccio
16/10/2012, 17:08

ROMA - Tenevano agende e rubriche come veri e propri libri neri dell'attività di spaccio e usavano minori come pusher e vedette per la consegna della droga. A capo dell'organizzazione criminale tre fratelli. E’ quanto emerso da un'indagine dei carabinieri della compagnia di Velletri guidata dalla procura della Repubblica di Velletri e che tra la notte di ieri e fino alle prime ore del mattino ha condotto a una maxi operazione anti droga tra la provincia di Roma e di Latina. Sette gli arresti e decine le perquisizioni personali e domiciliari. L'operazione ha potuto contare sull'impiego di centinaia di militari del Gruppo di Frascati e su unità cinofile specializzate nella ricerca di stupefacenti. Le attività si sono concentrate in specifiche aree del comune di Lariano risultate essere il baricentro di illecite attività di spaccio di cocaina ed hascisc, condotte che si propagavano anche nei Comuni di Velletri, Roma e Cori-Giulianello in provincia di Latina. L'attività d'indagine denominata “Paris”, ha preso avvio nel febbraio del 2012 grazie ad una serie di riscontri che hanno fatto emergere il noto pregiudicato di Lariano C.I., quale soggetto dedito allo spaccio di stupefacenti unitamente ai due fratelli C.S. e C.G. nonché ad altri personaggi gravitanti sui comuni di Lariano, Roma e Cori-Giulianello con forti connessioni con Artena, Ariccia, Albano Laziale, Lanuvio, Cisterna di Latina, Tivoli e Viterbo. I tre fratelli sono stati sottoposti alla misura cautelare in carcere. Sono state appurate le illecite condotte di spaccio/detenzione di stupefacenti tenute dai pregiudicati di Lariano, anche loro condotti in carcere, nonché di altri due rispettivamente di Cori - Giulianello e Roma, sottoposti ad arresti domiciliari. Tra gli indagati figura anche la compagna di uno degli arrestati, già nota alle Forze dell'Ordine. Un particolare rilievo ha assunto nel corso delle indagini il sequestro di due agende/rubriche, veri e propri “libri neri” presso l'abitazione di un esponente della banda, ad Artena nelle quali erano riportati, nomi, soprannomi date e cifre relative al giro di affari, consistente in molte migliaia di euro. Gli investigatori hanno scoperto che i tre fratelli a capo dell'organizzazione criminale si servivano di minori per l'attività di spaccio e per il controllo del territorio, moliti di loro erano uniti come vedette per la segnalazione della presenza delle forze dell'ordine sul territorio di Lariano. Eccellente qualità dello stupefacente smerciato che raggiungeva anche percentuali di purezza pari al 90%. Tra gli arrestati anche personaggi di altissimo profilo criminale e familiari di questi ultimi direttamente coinvolti nelle condotte illecite. L'indagine, svolta nel periodo febbraio/maggio 2012, ha portato complessivamente all'arresto di 13 arresti, 2 denunce a piede libero, svariate segnalazioni amministrative nonché al rinvenimento di circa gr. 80 di cocaina di eccellente qualità nonché di circa gr. 100 di hashish ed alcune piante di marijuana. 

Commenta Stampa
di Valerio Esca
Riproduzione riservata ©