Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Blocco dei tir. Verdi e Federconsumatori attivano osservatorio sui disagi e contro gli sciacalli


Blocco dei tir. Verdi e Federconsumatori attivano osservatorio sui disagi e contro gli sciacalli
24/01/2012, 16:01

"La situazione del blocco dei Tir a Napoli e provincia - dichiarano il commissario regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli ed il responsabile campano della Federconsumatori Rosario Stornaiuolo - è molto più grave di quello che ci hano detto. Per questo abbiamo attivato da stamane un osservatorio per gli utenti nelle nostre sedi e tramite i nostri indirizzi mail dove già ci giungono notizie da bollettino di guerra. Chiediamo ai cittadini di segnalarci le situazioni più critiche e gli episodi di sciacallaggio. Secondo le nostre notizie è impossibile attualmente approviggionarsi di benzina, c' è solo la vendita di carburante al mercato nero che è già arrivato a 10 euro a litro. Latte, frutta e mozzarelle fresche sono quasi introvabili e hanno avuto un rincaro in diversi negozi e distributori del 25%. Gli speculatori si stanno già arricchendo".
"Il pane - continuano Borrelli e Stornaiuolo - è distribuito a macchia di leopardo con casi vergognosi come quello di Casoria dove stamane tutti i furgoni dell' Unipan, l' associazione panificatori campani, hanno trovato le ruote sventrate per impedire il rifornimento dei negozi. Tra Napoli e provincia sono rimaste a terra circa 2500 tonnellate di rifiuti con casi gravissimi nella periferia napoletana, a Melito, Casoria, Pozzuoli, Quarto, Giugliano e Castellammare".
"Stiamo finendo le scorte - spiega Giovanni Medici dei supermermercati Conad - tra due giorni se andrà avanti così dovremo chiudere i nostri centri. In mezza giornata abbiamo avuto la clientela di una settimana. Sembra di essere tornati ai tempi della carestia".
"Noi pizzaioli - continua Gino Sorbillo dell' omonima pizzeria ai tribunali - siamo in grande difficoltà. Senza farina, mozzarelle e pomodori non riusciremo più a fare pizze. Abbiamo un' autonomia di tre giorni poi dovremo chiudere in attesa di essere riforniti".

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©