Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il gruppo Riva Acciaio scrive ai fornitori.

Blocco Ilva, l'azienda "Pronti al dialogo"


Blocco Ilva, l'azienda 'Pronti al dialogo'
17/09/2013, 15:14

TARANTO - Riva Acciaio è pronta ad avviare un dialogo con il custode giudiziario per verificare se sia possibile una ripresa delle attività produttive nei propri stabilimenti Ilva. Questo il contenuto di una nota del gruppo, in cui si precisa che la decisione segue quanto discusso lunedì presso il Ministero dello Sviluppo Economico. Anche i fornitori sono stati chiamati in causa dal gruppo, il quale spiega che "allo stato non siamo nostro malgrado nelle oggettive condizioni di provvedere ad alcun pagamento, non potendo disporre di alcuna somma liquida. Ne discende che sono destinati a rimanere sospesi anche i pagamenti in vostro favore". Secondo quanto reso noto dal gruppo, il custode giudiziario non ha però ricevuto ancora alcuna comunicazione formale sul provvedimento di sequestro, circostanza della quale è stato anche "prontamente informato il ministero dello Sviluppo economico".

Commenta Stampa
di Armando Brianese
Riproduzione riservata ©