Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Bluff Bonifica a Napoli- video


.

Bluff Bonifica a Napoli- video
05/12/2013, 15:27

NAPOLI- È una partita da chiudere in tempi rapidissimi, quella sulla bonifica-bluff di Bagnoli. Il gup De Falco Giannone ha infatti fissato il 3 gennaio prossimo l'udienza preliminare nei confronti dei 21 indagati per i quali i pm titolari dell'inchiesta hanno chiesto il rinvio a giudizio.

Ad appena nove mesi dal sequestro dei suoli dell'ex Italsider, dunque, si avvia alla conclusione la fase investigativa sull'ennesimo (presunto) spreco di denaro pubblico: tra gli imputati ci sono – tra gli altri – due ex vicesindaci di Napoli ed ex presidenti di Bagnolifutura, Sabatino Santangelo e Rocco Papa; un ex direttore generale del Ministero dell'Ambiente, Gianfranco Mascazzini; e poi Carlo Borgomeo e Mario Hubler, ex direttori generali di Bagnolifutura; Gianfranco Caligiuri, direttore tecnico della Bagnolifutura e responsabile della pianificazione e dello svolgimento della bonifica; Alfonso De Nardo, dirigente del Dipartimento provinciale dell'Arpac di Napoli.

L'indagine del pm Stefania Buda e dei procuratori aggiunti Francesco Greco e Nunzio Fragliasso punta a dimostrare che gli interventi per il disinquinamento del territorio non hanno fatto altro che aggravare la situazione ambientale. I magistrati hanno parlato di una bonifica soltanto “virtuale”, costata però parecchi soldi reali: ben 107 milioni di euro spesi finora per l'opera incompiuta che inducono gli inquirenti a contestare una truffa ai danni dello Stato.

Dalle indagini è emerso che, spesso, non c'erano soldi per smaltire i rifiuti pericolosi in discarica e così si ricorreva all'espediente illecito di mescolarli con il terreno, secondo i pubblici ministeri. Tale circostanza è ricostruita anche sulla base di intercettazioni telefoniche compiute dai carabinieri del comando provinciale di Napoli e del Nucleo Tutela Ambiente. In una di queste, uno degli indagati dice: “E ce le vorrebbero dare a noi le morchie... questa p tutta la storia, bella pulita pulita, no? hanno mischiato addirittura queste morchie con il terreno, cercando di farlo diventare terreno di riporto C, quindi hanno fatto una miscelazione di rifiuti”.

Un imbroglio da 400 tonnellate, come minimo.

Commenta Stampa
di Titti Alvino
Riproduzione riservata ©