Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

BOATO NEL VESUVIANO: BANG SUPERSONICO PROVOCATO DA DUE CACCIA F16


BOATO NEL VESUVIANO: BANG SUPERSONICO PROVOCATO DA DUE CACCIA F16
08/10/2008, 11:10

“I due boati avvertiti questa mattina nella zona del Vesuviano e del Nolano non sono dovuti né a fenomeni sismici  né tantomeno all’attività vulcanica del Vesuvio”: è quanto dichiara in una nota l’assessore alla Protezione Civile della Provincia di Napoli, Francesco Emilio Borrelli, spiegando che “l’Osservatorio Vesuviano, contattato immediatamente subito dopo il boato, esclude nella maniera assoluta queste due ipotesi”. “Forze dell’ordine e volontari della Protezione Civile sono al lavoro per individuare le cause del boato, ma dalle notizie in nostro possesso pare che si tratti di due aerei che hanno volato a bassa quota” – si legge ancora nella nota. Il boato che ha messo in allarme oggi la popolazione nell’area vesuviana è stato infatti provocato da due caccia F16 che hanno superato la velocità del suono, dando luogo al cosiddetto “bang supersonico”, durante l’intercettazione di un velivolo sospetto. Lo confermerebbero fonti dell’Aeronautica militare: i due velivoli, dello Stormo di Trapani, erano decollati in seguito alla segnalazione di un velivolo “sconosciuto”, perché senza regolare piano di volo. Si trattava di un aereo proveniente dalla Libia che, si è poi saputo, era diretto in Austria. I caccia lo hanno intercettato e, chiarita la sua posizione, lo hanno “rilasciato”. Durante le fasi dell’intercettazione i due F16 hanno raggiunto e superato la velocità del suono, provocando il bang supersonico. L’episodio di stamani ha tra l’altro un recente precedente in Toscana: il 16 settembre scorso era stata una coppia di caccia Eurofighter del 4/o stormo di Grosseto impegnati nella intercettazione di un velivolo sospetto, a provocare i boati avvertiti a Firenze ed anche nel bolognese: l’aereo intercettato aveva poi ripristinato il contatto radio e l’allarme è rientrato.
 

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©