Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La compagnia ha creduto alla buona fede del cliente

Bolletta da 46mila euro per scambio di sim, la Tim la annulla


Bolletta da 46mila euro per scambio di sim, la Tim la annulla
27/03/2009, 20:03

La sim da utilizzare per chiamare era finita nella chiavetta, quella per navigare era nel telefono. Una banale svista che per poco non ha causato un infarto all’intestatario delle schede che, a fine mese, si è visto arrivare una bolletta da 46mila euro.

Tutto è cominciato quando Salvatore Sica e sua suocera Noris Edda hanno deciso di regalare ai figli di lui due cellulari ed una chiavetta per navigare in Internet. Ai due telefonini era associato un profilo “Tim tutto compreso professional 45”, mentre per la sim dati, quella da inserire nella chiavetta Usb, c’era la formula “Alice mobile 100 ore”; il tutto faceva parte di un pacchetto Multibusiness All Inclusive da 270 euro al mese.

Poi, lo scambio di sim e quindi la bolletta da 46.046,15 euro. L’uomo ha protestato verso la Tim, ma la replica è stata chiara: non c’era stata una truffa, ma soltanto un uso scorretto delle sim che ha comportato un traffico anomalo di dati con conseguente, regolare fatturazione. L’uomo, quindi, avrebbe dovuto pagare.

A questo punto però il colpo di scena: i due signori milanesi non dovranno sborsare una lira. La compagnia infatti ha creduto alla loro buona fede (anche perché, con il pacchetto acquistato, non avrebbero avuto motivo di utilizzare per Internet una scheda invece che un’altra) ed ha annullato la bolletta.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©