Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Marocchino fermato dopo due giorni

Bologna, 31enne stupra ragazza e le lascia numero di telefono


Bologna, 31enne stupra ragazza e le lascia numero di telefono
30/11/2012, 16:00

BOLOGNA – Violenza sessuale. E’ questa l’accusa che dovrà scontare un marocchino di 31 anni, che mercoledì ha violentato una 22enne aggredita in viale Togliatti, periferia di Bologna. La sua fuga è durata poco più di 24 ore.

La vittima era appena scesa dal bus, sotto una pioggia battente e diretta al lavoro, quando è  stata afferrata e trascinata sugli argini del Reno dove è stata spogliata, picchiata, minacciata di morte e stuprata per quasi un’ora.

A tradire l’aggressore sono state delle tracce trovate sul luogo della violenza ed il numero di cellulare che l'uomo ha lasciato alla ragazza. Dopo lo stupro, e probabilmente in preda all'alcol, l'uomo si sarebbe infatti dichiarato innamorato della ragazza, dicendo di averla notata da tempo sull'autobus e chiedendole di scambiare il numero di telefono. Lei, riaccompagnata sulla strada, ha finto di accettare poi è corsa al lavoro e ha raccontato tutto al suo principale, che ha chiamato la polizia e il 118.

La squadra Mobile, coordinata nelle indagini dal Pm Simone Purgato, ha rintracciato e arrestato il 31enne ieri sera nell'alloggio dove abita, a Borgo Panigale.

L'uomo, incensurato e in attesa di regolarizzazione, aveva già preparato bagagli e passaporto, probabilmente con l'intenzione di lasciare l'Italia. Di fronte agli agenti avrebbe sostanzialmente ammesso di avere costretto la ragazza al rapporto sessuale.

 

 

Commenta Stampa
di Rossella Marino
Riproduzione riservata ©