Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Donna rischia di perdere falange del pollice della mano

Bologna, azzannata da bull terrier mentre tenta di difendere il cagnolino


Bologna, azzannata da bull terrier mentre tenta di difendere il cagnolino
04/09/2013, 18:57

BOLOGNA – Voleva difendere il suo cagnolino di piccola taglia dall’attacco di un bull terrier ma è stata aggredita tanto da rischiare di perdere la falange del pollice della mano. È accaduto ieri sera al parco "Ca' Bura" di via dell'Arcoveggio, nella periferia di Bologna. Vittima dell'aggressione una donna barese di 53 anni trasportata in codice di media gravità al pronto soccorso dell'Ospedale Maggiore e dimessa con una prognosi di 30 giorni. Secondo una prima ricostruzione della polizia, dopo aver ascoltato alcune testimonianze, il bull terrier era senza guinzaglio e senza museruola,  custodito temporaneamente da un bolognese di 16 anni, fratello del proprietario (di 34 anni). il cane si è scagliato contro il carlino addentandone la zampa anteriore per poi morsicare la mano della donna. Secondo la testimonianza di un amico del 16enne, il bull terrier era al guinzaglio ma si è liberato nel tentativo di rincorrere un pallone che rotolava a pochi metri dal cagnolino. Il ragazzo è stato denunciato per lesioni personali colpose per non aver custodito in modo corretto l'animale che è stato portato, in via precauzionale, al canile municipale di Trebbo di Reno. Il carlino, invece, è stato medicato con alcuni punti di sutura dal personale di una clinica veterinaria privata.

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©