Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Ma con pudore viene chiamato "personale tecnico volontario"

Bologna: cercasi cacciatori per una strage di cinghiali


Bologna: cercasi cacciatori per una strage di cinghiali
07/03/2018, 11:27

BOLOGNA - Raffaele Persiano, assessore alla Sicurezza della Città metropolitana di Bologna, è alla ricerca di cacciatori esperti, per sterminare gran parte della popolazione di cinghiali della provincia. Naturalmente, la cosa viene presentata come una misura di sicurezza per la popolazione. Bisogna tutelare la "crescente preoccupazione di residenti, agricoltori e utenti stradali per la folta presenza di cinghiali sul territorio in grado di costituire un reale pericolo per la sicurezza delle persone". E per questo si cerca "personale tecnico volontario da impiegare a supporto della Polizia provinciale nei piani di controllo al cinghiale", che vuol dire cacciatori che si divertono a sparare senza criterio. 

Si parla addirittura di 650 animali alla settimana, solo come inizio. Insomma, una mattanza senza precedenti. indifferente ai problemi dell'ambiente, perchè, come dice Persiano, "preferisco avere un ambientalista scontento ma un motociclista con una gamba rotta in meno per lo schianto provocato da un cinghiale sulla strada". In realtà il problema dei cinghiali è il fatto che il loro habitat è stato distrutto dall'uomo e quindi è normale che finiscano a contatto con la popolazione umana. E non è questione di numero: nella provincia di Bologna potrebbero vivere centinaia di migliaia di cinghiali comodi come pascià. Ma se l'uomo distrugge il loro territorio, i cinghiali cosa possono fare? devono vivere o no? Secondo Persiano, no. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©