Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Arrestato un nordafricano. Salvini fa propaganda

Bologna: incendiata una caserma dei vigili urbani. Due morti


Bologna: incendiata una caserma dei vigili urbani. Due morti
21/05/2019, 10:03

MIRANDOLA (BOLOGNA) - Una caserma dei vigili urbani è stata incendiata nella notte a Mirandola, in provincia di Bologna. L'incendio ha provocato la morte di una 84enne, Marta Goldoni, e della sua badante, Yaroslava Kryvoruchko, entrambe intossicate dla fumo dell'incendio, dato che abitavano al primo piano sopra la caserma. Il marito della Goldoni è stato ricoverato in ospedale ed è attualmente in camera iperbarica, per cercare di ripulire il suo sangue dai fumi aspirati. 

I Carabinieri, qualche ora dopo l'incendio, hanno arrestato un nordafricano a poca distanza dall'edificio bruciato. Secondo gli inquirenti, si sarebbe introdotto nell'edificio per rubare e avrebbe poi dato fuoco ad alcune carte prima di andare via. L'incendio si sarebbe diffuso trovando facile alimento nella carta e nel legno dell'edificio e generando i fumi che hanno intossicato chi abitava ai piani alti. Secondo quanto si è saputo, le prove a carico del nordafricano sono il fatto che avesse un accendino e che avesse un cappello dei vigili urbani, che sarebbe stato da lui rubato. 

Il Ministro dell'Interno Matteo Salvini ne ha subito approfittato per fare propaganda elettorale e per istigare all'odio, con un messaggio su Facebook: "Altro che aprire i porti! Azzerare l’immigrazione clandestina, in Italia e in Europa, è un dovere morale: A CASA tutti!".

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©