Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Stesso problema già riscontrato a Napoli, Firenze e Palermo

Bologna: la Polizia rischia di restare senza benzina


Bologna: la Polizia rischia di restare senza benzina
06/10/2011, 18:10

BOLOGNA - Anche a Bologna i continui tagli del governo alle risorse delle forze dell'ordine cominciano ad essere insostenibili. Come rivela un documento interno della Polizia, pubblicato da Repubblica, le scorse di carburante sono così scarse che si è fatto divieto ai colleghi di fuori città "in transito" di fare rifornimento. Ma in alcuni casi si sa che sono stati gli stessi poliziotti a cacciare i soldi per fare rifornimento; in altri casi si è dovuto ricorrere ad auto a noleggio per un pedinamento o per un trasferimento di detenuti, perchè non c'erano mezzi disponibili.
Certo, non stanno ancora del tutto messi a terra, ma manca poco. E la domanda ovvia è: come faranno a fare il loro lavoro, in questa maniera?
E non sono certo i soli. Negli ultimi anni gli allarmi di questo genere arrivano da ogni parte d'Italia: a Palermo oltre a mancare la benzina, la Polizia è costretta ad usare i cellulari al posto delle radio, perchè i ponti radio sono fuori uso; a Cefalù, sempre in Sicilia, c'è il proprietario dell'edificio che la Polizia usa come stazione che ha chiesto lo sfratto perchè non viene pagato l'affitto (naturalmente non lo otterrà, ma è significativo); a Napoli non solo manca la benzina, ma i poliziotti hanno problemi con i buoni pasto; anche a Firenze hanno lamentato seri problemi con gli approvvigionamenti di carburante.
Insomma, un disastro. Peccato che, quando indossano le divise e ricevono l'ordine di picchiare pacifici manifestanti, i poliziotti si dimenticano che a volte picchiano chi potrebbe sostenere le loro rivendicazioni.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©