Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'ordigno stava per essere disinnescato

Bomba della II guerra mondiale esplosa. Nessun ferito


Bomba della II guerra mondiale esplosa. Nessun ferito
28/04/2010, 21:04

ROMA – A pochi giorni dalle commemorazioni per il giorno della liberazione e dalla fine della II guerra mondiale ancora emergono reperti bellici usati dagli alleati. Questa volta però  la bomba è scoppiata prima che gli artificieri di Cremona potessero farla brillare.
Il micidiale ordigno è stato trovato stamattina nel Lodigiano da un agricoltore che stava lavorando in un campo a Mezzana Casati, frazione di San Rocco al Porto, a ridosso dell'Autostrada del Sole. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito. Conteneva circa 80 chilogrammi di fosforo ed era di fabbricazione americana. L'ordigno è esploso appena dopo che i militari l'avevano imbragato per trasportarlo in un altro luogo. Se la bomba fosse esplosa qualche secondo prima, avrebbe potuto provocare una tragedia.
L'autostrada era stata chiusa nel tratto fra Piacenza nord e Piacenza sud, provocando lunghe code in entrambi i sensi, proprio per consentire il disinnesco della bomba. A contatto con l'aria il fosforo aveva provocato una piccola nube bianca. L'esplosione ha riguardato la parte più piccola della bomba, la spoletta, innescata a causa dell'urto di un mezzo agricolo. Il resto della bomba è stato invece fatto brillare in un campo distante.
"Tutto comunque è avvenuto sotto controllo - ha detto il capitano degli artificieri Pasquale Mannino - L'agricoltore aveva urtato con il proprio mezzo agricolo l'ordigno: quando siamo arrivati, l'abbiamo trovato già innescato". Per questo è stata imbragata solo la parte più grossa della bomba e appena gli artificieri l'hanno spostata c'è stato lo scoppio della spoletta. "Il resto è stato fatto tutto brillare da noi", ha spiegato il capitano.
 

Commenta Stampa
di Mario Aurilia
Riproduzione riservata ©