Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

L'intervento questa mattina ad Omnibus

Borghezio: "L'Italia sarà divisa in due, la Padania è diversa"


Borghezio: 'L'Italia sarà divisa in due, la Padania è diversa'
17/03/2011, 14:03

ROMA - Chi si era illuso che la Lega fosse tornata nell'alveo della legalità, passando dal secessionismo al federalismo, ha avuto l'ennesima disillusione oggi, guardando l'intervento ad Omnibus, questa mattina, dell'eurodeputato Mario Borghezio. Tralasciando una serie di affermazioni prive di senso (a cominciare dal saluto: "Buona Padania a tutti", come se significasse qualcosa) ed altre decisamente offensive ("Meglio le note del 'Va' pensiero' di Verdi, che quelle di quest'inno sfigatello", con riferimento all'inno di Mameli), è andato al nocciolo della questione quando ha ricordato quale sia l'obiettivo della Lega. E ha detto: "E' nel destino della storia la divisione dell'Italia in due. Perchè c'è una Padania che lavora, mentre il resto d'Italia fa altro. Noi padani siamo a livello europeo, possiamo stare nell'euro. Il resto d'Italia non lo so. Insomma, è come il Belgio (diviso da secoli tra fiamminghi e valloni, ndr), prima o poi ci sarà la separazione".
Certo, si potrebbe dire che Borghezio non è al governo, che magari parlava a titolo personale o, come ha fatto il deputato del Pdl Gaetano Quagliariello, presente in studio, dire che c'è una Lega federalista ed una ala minoritaria secessionista, tenuta a bada dalla prima. Ma in realtà tutto ciò che fanno dimostra che la loro idea è la secessione. Anche il disertare le manifestazioni di questi giorni, l'andarsene quando suona l'inno di Mameli, le leggi che fanno approvare sul federalismo, dove si spostano ingenti risorse da un sud già povero al nord, dimostrano quali sono le loro vere inentenzioni.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©