Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Il senatur impoverisce il dibattito politico in Italia

Bossi: un uomo, un dito medio sempre alzato


Bossi: un uomo, un dito medio sempre alzato
12/07/2011, 11:07

Non perde occasione Umberto Bossi nel rilanciare la scandalosa immagine di se stesso. Torna ancora una volta, come da tradizione, il suo dito medio, ben puntato, alzato e in primo piano. Si potrebbe correre quasi il rischio di finire con l’abbinare al nome del senatur non tanto il suo bel faccino, quanto l’immagine, in cui fiero di se stesso, il leader della Lega non ci pensa su due volte a mostrare il dito medio. Ovviamente come forma di eccessivo impoverimento del dibattito e del confronto politico nel nostro Paese.
Deve essersi dimenticato di essere un ministro della Repubblica e di aver giurato sulla Costituzione. L’ennesima dimostrazione della politica ridicola ed insensata del senatur è andata in scena domenica notte, sotto il tendone di una festa leghista nel Varesotto. Il cantante di turno, forse anche come provocazione, ha intonato “l’Italia, il Tricolore, la nostra bandiera”: note troppo nobili per il leader del Carroccio e tutta la band da lui capitanata. La reazione, infatti, non si è fatta attendere: il dito medio di Bossi ha iniziato ad oscillare nuovamente verso l’alto. A imitare tale gesto, che non qualifica tanto chi lo riceve, quanto chi lo mette in scena, il ministro della Semplificazione Roberto Calderoli che, in bermuda e camicia verde, ha poi annunciato che “il 23 luglio, a Monza, alle 11,30 aprono tre ministeri: il mio, quello di Bossi e quello di Tremonti”.
La risposta a tali immagini indecorose, ovviamente, non si è fatta attendere. “Bossi ha offeso di nuovo la bandiera italiana e valuteremo se ci sono gli estremi per denunciarlo per vilipendio al tricolore. Questo insulto è ancora più grave e insopportabile perché avviene nell’anno in cui tutto il Paese festeggia la ricorrenza del 150simo anniversario dell'Unità d'Italia”: è quanto afferma in una nota il portavoce dell’Italia dei Valori, Leoluca Orlando.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©