Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Corrado Gabriele ‘deus ex machina’ sblocca la situazione

Botta dei disoccupati a Caldoro: Consiglio Regionale occupato


Botta dei disoccupati a Caldoro: Consiglio Regionale occupato
19/05/2010, 21:05

NAPOLI – Momenti di forte tensione a Napoli, dove nella serata disoccupati ed ex detenuti organizzati hanno messo in atto una manifestazione all’ingresso del Consiglio regionale, dove è in programma la seduta in cui il neo governatore della Campania, Stefano Caldoro, presenterà programma e giunta.
I manifestanti, circa duecento, oltre a scandire gli slogan per il lavoro hanno dato il via a quelli contro la giunta ed il Presidente. Sul posto gli agenti di polizia in tenuta antisommossa, che hanno formato un cordone e sorvegliano a vista i manifestanti.
Poco dopo le 20.00 alcuni disoccupati si sono barricati in una stanza del secondo piano. In presidio da questa mattina, la delegazione era riuscita ad entrare nel palazzo per essere ricevuta dall’assessore regionale al Lavoro, Severino Nappi. Il neo assessore ha rassicurato i manifestanti, affermando che da domani si metterà al lavoro per affermare la questione. Un inizio sicuramente di impatto, per il neo assessore nominato soltanto da pochissimi giorni, ed alla guida di un settore così delicato.
Le parole di Nappi non hanno però convinto la delegazione che, approfittando di essere all’interno dell’edificio, ha deciso di barricarsi nella stanza. Sul pianerottolo una decina di agenti antisommossa hanno presidiato la stanza, cercando di convincere i manifestanti ad uscire. Subito dopo è intervenuto anche Corrado Gabriele, l’ex assessore al Lavoro della giunta Bassolino, ex Rifondazione ed attualmente Pd, che si è prodigato perché la stanza venisse abbandonata. Probabilmente le parole di Gabriele, ‘volto noto’ per i disoccupati, che per anni hanno bussato (con scarsi risultati) alla sua porta (vedi progetti I.So.La e Bros) sono state la chiave di volta per sbloccare la situazione. Segno che, anche a mandato ormai concluso, l’ex assessore continua a conservare un forte carisma sui movimenti dei disoccupati napoletani. Tra i corridoi delle stanze del potere, dove le voci corrono più veloci della luce, c’è già però chi maligna su quel deus ex machina, parlando di un ‘benvenuto’ al nuovo assessore. Anche se, altrettanto verosimilmente, a convincere la delegazione ad uscire è stata la presenza degli agenti, già pronti per un’irruzione. I manifestanti hanno lasciato la stanza poco prima delle 21.00, riunendosi agli altri che erano rimasti all’esterno.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©