Cronaca / Sesso

Commenta Stampa

Arrestata anche la madre di lui per complicità

Brescia: 21enne rom sposa 12enne, arrestato


Brescia: 21enne rom sposa 12enne, arrestato
03/02/2010, 12:02

BRESCIA - Nuovo caso, nella comunità rom, di matrimonio tra un uomo ed una ragazzina. E' stato scoperto a Brescia, ad opera della Polizia. Tutto nasce quando ad ottobre una donna di etnia rom, che ha il figlio sotto cura perchè malato di Aids, presenta ai medici la ragazza di 12 anni, per precauzione dall'infezione da Hiv. I medici segnalano alle forze dell'ordine la presenza della ragazza, che risulta affidata fino al 2014 alla famiglia della persona malata di Aids, e qui iniziano le indagini dela Polizia, che cominciano ad accumulare indizi che qualcosa che non va c'è: la ragazza è tenuta in semiclandestinità, è tenuta in casa, non va a scuola, si fa vedere poco in giro. Verso dicembre la ragazza torna dal medico per raccontare che aveva paura di essere stata infettata attraverso un rapporto sessuale; qui le indagini hanno una accellerazione, e sono terminate questa mattina, quando sono stati arrestati il 21enne rom, che ha confessato di essersi spostao con la ragazzina in Romania, per violenza sessuale, insieme alla madre, per favoreggiamento. Infatti, secondo la legge italiana, un adulto che ha un rapporto sessuale con chi ha meno di 14 anni commette violenza sessuale, anche laddove ci fosse il consenso della minore.
Qui andiamo su un punto delicato: infatti secondo la nostra legge questi sono reati. Ma ci sono in molti casi tradizioni che trovano normale il matrimonio tra una minorenne ed un maggiorenne; alle volte è una tradizione "obbligata": cioè sono gli stessi genitori della ragazza che collaborano nel far sposare la figlia ad una persona molto più grande di lei. Per carità, giusto l'arresto, ma restiamo sempre nel panorama di quelle cose che bisogna insegnare agli stranieri

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©