Cronaca / Sanità

Commenta Stampa

La madre non è riuscita a fare nulla per salvarla

Brescia: bambina muore per un boccone di traverso


Brescia: bambina muore per un boccone di traverso
21/09/2013, 14:52

GHEDI (BRESCIA) - Un normale pomeriggio con i bambini che fanno merenda. Le cose stavano andando normalmente il 16 settembre scorso a Ghedi, in provincia di Brescia, in casa di una famiglia di pachistana. Ma, ad un certo punto, Iqra - una bambina di 7 anni - ha cominciato ad annaspare e a diventare cianotica: un pezzetto della brioche che stava mangiando le si era infilato nella trachea. La madre ha cercato di aiutarla e ha chiamato il 118, ma non è riuscita a fare nulla, anche perchè il panico le impediva di seguire le istruzioni che le venivano date al telefono. Quando i paramedici sono arrivati, la bambina era già svenuta. I medici hanno tentato di rianimarla, ma inutilmente. E dopo quattro giorni di coma, la piccola è morta: i danni provocati dalla carenza di ossigeno erano eccessivi per il suo organismo. 
L'episodio riapre la polemica per il fatto che l'Italia è uno dei pochi Paesi in cui non viene insegnata la cosiddetta "manovra di Heimlich" nei corsi preparto e alle insegnanti: si tratta di una manovra di emergenza (si tratta di afferrare la persona da dietro e comprimerla appena sotto lo sterno, per ottenere il rigetto di pezzi di cibo che si sono infilati nella trachea) che può salvare le persone a cui capitano questi incidenti. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©