Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Una nuova iniziativa di esponenti del Pdl e della Lega

Brescia: il Comune offre 500 euro agli stranieri che vanno via


Brescia: il Comune offre 500 euro agli stranieri che vanno via
27/01/2010, 15:01

BRESCIA - ANcora una iniziativa anti-extracomunitari da parte di un Comune lombardo; ed ancora una volta si tratta di un Comune a guida Pdl-Lega. Anche se questa volta è quasi un provvedimento soft, rispetto ad altri usati da altre amministrazioni. Infatti il Comune di Brescia ha deciso di offrire la somma di 496 euro a ciascun extracomunitario che se ne andrà dall'Italia, consegnando il suo permesso di soggiorno e senza tornare per i prossimi 5 anni. Questa è una misura che parte da un progetto esistente, cofinanziato dall'Unione Europea, ma che è riferito solo a coloro che scappano dal proprio Paese per motivi di forza maggiore: coloro che scappano da emergenze umanitarie, coloro che richiedono asilo, vittime della tratta di esseri umani, ecc. Invece il Comune di Brescia ha stanziato 60 mila euro (significa che sono solo 1200 coloro che ne potranno usufruire) per dare appunto la somma a chi se ne andrà.
Il punto è: se un extracomunitario si è fatto sfruttare per decenni prima di ottenere, a mo' di premio, un permesso di soggiorno, perchè dovrebbe disfarsene? Se ha il documento, significa che ha un lavoro e quindi guadagna ben altro che 500 euro al mese. Perchè dovrebbe rinunciare a tutto e tornare a fare la fame nel suo Paese? Se se ne è andato, vuol dire che lì le cose non vanno bene.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©