Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Oltre 100 mila euro di saldo attivo

Brescia: la mensa di Adro ha un tesoretto


Brescia: la mensa di Adro ha un tesoretto
04/06/2010, 15:06

ADRO (BRESCIA) - Ricordate la mensa di Adro, in provincia di Brescia? Quella così povera che il Sindaco ordinò di mettere a pane ed acqua alcuni bambini, perchè i genitori non pagavano la retta? Ebbene, si scopre che in realtà la mensa ha un bilancio in attivo di oltre 100 mila euro. Ed è una cifra che significa tanto in un piccolo comune, se oScar Lancini, il Sindaco, potesse metterci le mani sopra. In realtà la mensa è gestita da persone del luogo, volontari ma anche sette dipendenti. Cucina sul posto, quindi è in grado di offrire agli alunni un servizio di eccellente qualità. Estromettendo invece Giuseppina Paganotti, presidente della società che gestisce la mensa (lei lo fa gratuitamente), il servizio potrebbe magari essere dato a qualche amico. Certo, ci sarebbero i soliti cibi precotti e scaldati al momento nel forno o nel microonde, a tutto detrimento della qualità dei cibi per i bambini. Ma chi se ne frega?
Insomma, come si vede, anche in questo caso c'è il rischio che l'uso dei bambini sia stato solo strumentale al raggiungimento di un obiettivo politico. Con le madri dei bambini della scuola che sono state utilizzate e manipolate, sfruttando il razzismo di molte di loro, per fare interessi che non sono loro.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©