Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Spara all'ex moglie ed altre tre persone

Brescia: strage nella notte, camionista massacra famiglia


Brescia: strage nella notte, camionista massacra famiglia
04/03/2012, 13:03

BRESCIA – Strage a Brescia nella notte, dove un uomo  di 34 anni ha ucciso  l'ex moglie ed altre tre persone.  Il tragico evento di sangue è avvenuto intorno alle 3:30 in via Raffaello. Secondo quanto si apprende da altre fonti giornalistiche il 34enne è stato poi fermato da un carabiniere in servizio e in forze al Nucleo radiomobile di Brescia.
Questa la dinamica dell’accaduto,  secondo una prima ricostruzione: l'uomo ha sparato, in strada, prima all'ex coniuge e ad un amico della donna, uccidendoli. Poi si è recato nell'abitazione dell'ex moglie, dove ha trovato la figlia ventenne della donna, che la vittima aveva avuto da una precedente relazione, e un amico della giovane, pure lui ventenne: l'uomo ha impugnato di nuovo l'arma e non ha risparmiato neppure loro.
IGNOTO IL MOVENTE -  Ancora ignoti i motivi del gesto dell'uomo, che subito dopo gli omicidi è stato fermato dal  militare dell'Arma, residente a pochi metri di distanza dal luogo del delitto. A intervenire per competenza territoriale, invece, la Squadra mobile della Questura di Brescia.

AGGIORNAMENTO ORE 13 -   E' un camionista di 34 anni, Mario Albanese, residente in un paese della provincia bresciana, l'uomo che questa notte ha ucciso quattro persone a colpi di pistola. Mario Albanese ha sparato davanti ai suoi tre figli che aveva avuto con la vittima.  La gelosia sarebbe il movente che ha fatto scattare la follia omicida.  Stando alle prime indiscrezioni, infatti, l'uomo avrebbe avuto ancora un legame con l'ex moglie. Il 34enne faceva regolarmente visita ai tre figli e pare si vedesse spesso nella zona dove abitava l'ex moglie. Alcuni testimoni hanno riferito che il camionista, dopo aver sparato e ucciso l'ex moglie e altre tre persone, si è puntato la pistola alla tempia per togliersi la vita. E' stato a quel punto che è intervenuto il carabiniere in borghese che, abitando a pochi metri di distanza, aveva udito gli spari. Secondo il racconto dei testimoni l'arma si è inceppata e il carabiniere si è avventato contro l'uomo riuscendo a disarmarlo dopo una collutazione nella quale ha riportato alcune contusioni. Il militare è stato accompagnato in ospedale per essere medicato.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©