Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

BRESCIA, TRE FERMATI PER L'OMICIDIO DI UN IMMIGRATO


BRESCIA, TRE FERMATI PER L'OMICIDIO DI UN IMMIGRATO
19/01/2009, 20:01

Lo hanno pestato selvaggiamente, spinto nel lago e poi preso a calci mentre cercava di guadagnare la riva. Sono finiti con le manette ai polsi con l’accusa di omicidio volontario pluriaggravato tre ragazzi bresciani, due dei quali minorenni. L’episodio risale al 25 ottobre scorso, quando un immigrato marocchino venne ripescato dalle acqua del lago di Garda a Desenzano. Inizialmente non si pensò subito ad un omicidio: l’uomo aveva un tasso alcol emico del 3% e si pensò che fosse caduto nel lago ed annegato. Successivamente, però, alcuni ragazzi si presentarono in caserma parlando di una “lite sul molo” e di un “tonfo” udito quella notte. Nel frattempo, anche l’autopsia aveva rivelato che sul cadavere dell’uomo c’erano tracce di percosse. Il resto lo hanno fatto le intercettazioni ambientali unite al lavoro di intelligenze, che hanno portato nelle mani dei poliziotti stralci di conversazioni che hanno inchiodato Stefano Rizzi, unico dei tre già maggiorenne al momento del delitto. Dopo tre mesi esatti, i tre ragazzi sono stati arrestati.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©