Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Fece esplodere la bomba davanti alla scuola Morvillo-Falcone

Brindisi: ergastolo per Vantaggiato, niente attenuanti


Nella foto Melissa Bassi, la vittima dell'esplosione
Nella foto Melissa Bassi, la vittima dell'esplosione
18/06/2013, 17:42

BRINDISI - Nessuna attenuante, per Giovanni Vantaggiato, che il 19 maggio 2012 fece esplodere una bomba davanti alla scuola Morvillo-Falcone di Brindisi. Nella sua sentenza il Tribunale accoglie in toto le richieste avanzate dal Pubblico Ministero in fase di requisitoria e conferma che il reato è di strage con finalità terroristiche e quindi condanna l'imputato alla pena dell'ergastolo. Nell'esplosione morì Melissa Bassi, 16 anni, e vennero ferite altre 9 compagne di scuola; alcune delle quali inizieranno domani a fare l'esame di Stato. 
Nella sua arringa, l'avvocato difensore ha insistito sulla necessità di una perizia psichiatrica per l'imputato, in quanto "ossessionato", al punto da non fargli rendere conto del danno che avrebbe creato con il suo attentato. 
Il riconoscimento dell'aggravante terroristica permetterà alle vittime di avere un risarcimento dall'apposito fondo, datoc he Vantaggiato è pressochè nullatenente e non può risarcire nessuno. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©

Correlati