Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Vantaggiato, respinto il ricorso della difesa

Brindisi, Riesame conferma: è terrorismo

L'attentatore resta in isolamento a Lecce. Negate attenuanti

Brindisi, Riesame conferma: è terrorismo
03/07/2012, 17:07

ROMA - Niente sconti per Giovanni Vantaggiato, l'imprenditore reo confesso della strage alla scuola Morvillo Falcone di Brindisi: è stato respinto il ricorso presentato dal suo avvocato difensore, Franco Orlando. Vantaggiato, che ha fatto esplodere l'ordigno ammazzando la 16enne Melissa Bassi e ferendo altre 5 studentesse, ha messo in atto un vero e proprio attacco terroristico: per questo i giudici della libertà hanno confermato l'aggravante contestata e, per questo, la competenza territoriale resta alla procura di Lecce. Il tribunale, inoltre, ha negato l'attenuazione della misura cautelare nei confronti dell'uomo, che si trova in isolamento nel carcere di Lecce dal 6 giugno scorso.
 
L'AVVOCATO: "BRINDISI GIUDICE NATURALE"- "Riteniamo che non vi sia alcuna circostanza che possa far desumere finalità terroristiche della condotta, - insiste Orlando - Su questo, aspettiamo le motivazioni del riesame". Il difensore di Vantaggiato preme anche sullo spostamento della competenza: "E' un fatto procedurale - continua - che non sposta nulla rispetto al reato, anche agli effetti sanzionatori, è un discorso di equità sostanziale nella celebrazione del processo: Brindisi è il giudice naturale".

 CHIESTE ATTENUANTI PER MOTIVI DI SALUTE -
"Ho chiesto un'attenuazione della misura cautelare - aggiunge poi l'avvocato - in relazione alle condizioni psicofisiche di Vantaggiato. Non avevo richiesto i domiciliari, la mia era una richiesta aperta ai giudici del tribunale della libertà, affinché valutassero un'attenuazione della misura, adeguandola alle condizioni di salute del mio assistito".

Commenta Stampa
di Gaia Bozza
Riproduzione riservata ©