Cronaca / Giudiziaria

Commenta Stampa

Sono soldi di clienti affidati al suicida

Broker suicida, sequestrati beni per 50 milioni


Broker suicida, sequestrati beni per 50 milioni
13/11/2013, 10:05

ROMA - La Guardia di Finanza - e nello specifico il Nucleo di Polizia valutaria - sta eseguendo una serie di sequestri di beni per un valore stimato di 50 milioni di euro, disseminati in tutta Italia. 
Si tratta di una indagine nata con il suicidio di Giovanni Paganini Marana, broker di una società di intermediazione immobiliare, avvenuto il 7 settembre scorso. C'erano molti clienti che si sono rivolti alle autorità per denunciare di aver investito soldi che non erano mai stati restituiti. Da qui sono partite le indagini, che hanno portato al maxisequestro di oggi e all'iscrizione nel registro degli indagati di sette persone: Paola Taccone Gallucci, Marco Chiarion Casoni, Amerigo Casamonti, Paolo Chiapparelli, Mauro Mazzantin, Anna Paola Tiscornia e Maria Immacolata Gambaro. Sono accusati, a vario titolo, di reati come l'appropriazione indebita aggravata di somme degli investitori all'infedeltà patrimoniale aggravata, l'ostacolo dell'esercizio delle funzioni di vigilanza, il riciclaggio e l'abusivo esercizio di attività finanziaria.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©