Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nuovo incontro con le istituzioni a metà ottobre

Bros: lavoro rinviato a data da destinarsi


.

Bros: lavoro rinviato a data da destinarsi
07/09/2012, 14:37

NAPOLI - Tornano in piazza i Bros, tornano a fare sentire la loro voce gli ex corsisti del famigerato progetto ‘Isola’ con il quale le istituzioni intendevano immettere nel lavoro un’intera generazione di disoccupati. A distanza di oltre 15 anni, quei disoccupati sono ancora tali, e continuano ad ingrossare le fila dell’indignazione e del malcontento. Un vero e proprio reggimento di persone, oltre 3400, che hanno fatto della battaglia per il lavoro la loro giustificazione esistenziale, il moto perpetuo di un legittimo desiderio che non può e non deve restare solo un sogno. Ultimo atto di questa soap tutta partenopea, l’incontro in provincia con le istituzioni comunali e sovra comunali per cercare un percorso condiviso che garantisca loro almeno una speranza. Durante l’incontro si è discussa la possibilità di verificare l'utilizzo delle risorse destinate dal ministero del Lavoro al bacino dei lavoratori già individuati, anche se per questo bisognerà attendere un secondo incontro tecnico previsto per metà ottobre nell’ambito del quale si concretizzeranno delle proposte da sottoporre alla Regione, anche con il contributo dell’Agenzia Italialavoro. Come dire: lavoro rimandato a data da destinarsi. Infatti, da voci di corridoio, pare che alla fine dell’incontro in provincia, qualcuno abbia avuto la brillante idea di far circolare la voce che i Bros sarebbero stati assunti a metà ottobre. Ma ovviamente non è così, perché la data di metà ottobre riguarda solo un ennesimo incontro tecnico per la stesura delle proposte da presentare all’assessorato regionale preposto. Questa sorta di attentato alla credulità popolare non fa altro che innescare meccanismi subdoli che servono ad alcuni per tenere sotto controllo la massa schiavizzata dalla speranza di poter ottenere qualcosa.

 

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©