Cronaca / Sangue

Commenta Stampa

Ennesimo dramma della povertà, nell'indifferenza

Brucia una baracca: 18enne romena carbonizzata


Brucia una baracca: 18enne romena carbonizzata
28/12/2009, 10:12

ROMA - Bello, in questi giorni di festa, vedere in TV il Papa che va alla mensa di Sant'Egidio a Trastevere a dire: "Soffro per le vostre storie". O il Presidente del Consiglio SIlvio Berlusconi che telefona ai terremotati di Coppito a dire: "Vi ho dato un tetto sulla testa a tempo di record", anche se è solo una spudorata menzogna. Meno bello è invece guardare qual è la realtà di chi veramente soffre e di chi non ha un tetto sulla testa. Come è successo a Roma, in via Ardeatina. Qui c'era una baraccopoli - 7 o 8 baracche, non di più - abitata da rumeni. C'era, perchè ieri sera verso le 22, per cause ancora da accertare, una delle baracche ha preso fuoco. Al suo interno è morta Adreina, 18 anni, sorpresa dalle fiamme mentre stava dormendo. Secondo i primi accertamenti, a dare il via alle fiamme potrebbe essere stato un recipiente colmo d'alcool, che è caduto e ha dato fuoco alla baracca, finendo su qualcosa di molto caldo.
I rumeni delle baracche vicine hanno avvertito immediatamente i Vigili del Fuoco, ma quando questi sono arrivati, per la ragazza c'era poco da fare. SI tratta del terzo incendio che scoppia in una settimana a Roma, in queste baraccopoli. In un altro incendio c'è stata una persona che è rimasta ustionata, anche se lievemente. Eppure nessuno si muove. Tutti a fare grandi proclami, ma poi all'atto pratico, cosa si fa?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©