Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Nuovo filone d’inchiesta sulle buche rattoppate

Buche, la procura indaga sui lavori per il giro d’Italia


.

Buche, la procura indaga sui lavori per il giro d’Italia
06/05/2013, 12:58

NAPOLI - Dopo l’emergenza buche che ha condotto all’avviso di garanzia a sindaco ed assessore alla Mobilità, si torna nuovamente a parlare di Giro d’Italia, che a quanto pare, è stato la goccia che ha fatto traboccare il vaso, nel senso giudiziario del termine. Infatti è di ieri la notizia che la procura napoletana ha avviato un nuovo filone d’inchiesta sui lavori di “rattoppo” che hanno interessato alcune strade interessate dalla gara ciclisitica. I PM della procura, infatti, si sono chiesti il motivo per cui si sia proceduto a ricprire le buche solo di una parte di Via Posillipo, lasciando in un vergognoso degrado il resto dell’importante arteria cittadina. A quanto si apprende pare che proprio mentre venivano consegnati dai carabinieri le ordinanze di comparizione per il primo cittadino de Magistris e l’assessore al ramo Donati, la procura faceva partire una nuova richiesta di acquisizione di atti. L’inchiesta, condotta dal PM Stefania Buda coordinata dal procuratore aggiunto Francesco Greco, punta a verificare il capitolato d’appalto che lega il comune di Napoli a qualche azienda privata; ma non solo: sotto inchiesta anche i lavori che hanno consentito di creare la pista cittadina dove ha corso la tappa del giro d’Italia.

 

Commenta Stampa
di Rosario Lavorgna
Riproduzione riservata ©