Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Bufala & Tequila: connubio fra le Dop dei due mondi


Bufala & Tequila: connubio  fra  le  Dop  dei  due  mondi
03/05/2012, 11:05

La cornice è quella giusta, il Cibus di Parma, manifestazione fondamentale per tutti coloro che gravitano intorno al mondo dell’agroalimentare e dell’enogastronomia.
La location è quella più logica e istituzionale, lo stand dell’AICIG (Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche); qui, alle 12.15 di mercoledì 9 maggio, avrà luogo una degustazione decisamente insolita.
Due grandi eccellenze come la Mozzarella di Bufala Campana DOP e la Tequila DO si incontreranno in un abbinamento che non mancherà di suscitare la curiosità di gourmet e appassionati.
A officiare l’insolito matrimonio è stato chiamato Peppe Daddio, chef della scuola Dolce&Salato di Maddaloni, che per l’occasione ha studiato un menu perfetto per esaltare le caratteristiche dei due prodotti, giocando tra la sapida freschezza della mozzarella di bufala e il vigore aromatico della Tequila.
“Era da tempo che desideravamo proporre la nostra mozzarella di bufala in abbinamento con una bevanda ricca di storia e di tradizione come la Tequila – spiega Antonio Lucisano, Direttore del Consorzio – e Cibus ci è sembrato il teatro ideale per presentare questo connubio che costituisce un ideale ponte tra due prodotti lontani tra loro dal punto di vista geografico ma con molte prerogative in comune, prima tra tutte quella di costituire degli elementi di riferimento essenziali per i rispettivi territori”.
In effetti si tratta di due eccellenze che godono di grande appeal anche a livello internazionale e che, con questa degustazione, lanciano un messaggio ben preciso.
“Vogliamo far capire che la qualità non conosce confini e parla un linguaggio comune – racconta Fernando Cano Trevino, rappresentante in Europa del Consejo Regulador del Tequila – come dimostra il fatto che è stato semplicissimo accordarsi con gli amici della Mozzarella di Bufala Campana DOP per questo incontro che speriamo di poter proporre ancora in tante parti del mondo”.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©