Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

BUFERA IN REGIONE, POPOLARI UDEUR SOTTO TIRO


BUFERA IN REGIONE, POPOLARI UDEUR SOTTO TIRO
16/01/2008, 16:01

Sono ventitrè le persone coinvolte nell'inchiesta culminata nei domiciliari per Sandra Lonardo Mastella. I carabinieri hanno eseguito decine di ordinanze di custodia, ai domiciliari. Tra i destinatari vi sono gli assessori regionali dell'Udeur Nocera e Abbamonte; il sindaco di Benevento Pepe, e i consiglieri regionali Errico, capogruppo dell'Udeur, oltre a Ferraro. Nell'ambito dell'inchiesta e' stato sospeso il prefetto di Benevento, Urbano.
Di seguito tutti i provvedimenti: detenzione in carcere per Carlo Camilleri, Vincenzo Lucariello, Antonello Scocca, Domenico Pianese; arresti domiciliari per: Sandra Lonardo, Fausto Pepe Carlo Bianco, Erminia Florenzano, Andrea Abbamonte, Luigi Nocera, Francesco Cardone Ferdinando Errico, Vincenzo Liguori, Nicola Ferraro, Nino Lombardi, Angelo Padovano, Domenico Pietrocola, Francesco Zaccaro, Antonio Barbieri, Letizio Napoletano, Paolo Budetta, Cristiana Fevola, Ugo Ferrara; sono stati inoltre interdetti dai pubblici uffici Ugo De Maio, dall'ufficio di giudice del TAR, Luigi Treviso dall'ufficio di vigile urbano, Giuseppe Urbano dall'ufficio di Prefetto della Repubblica.

ore 15.30 : tra i nomi degli indagati nel caso che coinvolge il presidente del Consiglio Regionale Sandra Lonardo Mastella spunta quello di Nicola Ferraro.
il consigliere regionale che appartiene al gruppo Popolari Udeur, e riveste l'incarico di presidente della Prima Commissione (Affari istituzionali, Amministrazione civile, Rapporti internazionali, Autonomie locali e piccoli Comuni, Affari generali, Sicurezza delle città) avrebbe, a quanto appare dalle prime indiscrezioni, fatto da tramite tra gli interessi di partito e il dirigente ospedaliero di Caserta.
Il nome del consigliere, eletto proprio nel collegio di Caserta viene fuori  nelle accuse di Alessandro De Franciscis presidente della Provincia di Caserta, che avrebbe segnalato indebite pressioni.

Commenta Stampa
di Giancarlo Borriello
Riproduzione riservata ©