Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Mazzette a dipendenti infedeli per eliminare debiti

Bufera su Equitalia: 23 avvisi di garanzia

Scatta il blitz della Gdf, nel mirino molti professionisti

.

Bufera su Equitalia: 23 avvisi di garanzia
04/02/2011, 13:02

NAPOLI – Mele marce all’interno della complessa macchina di Equitalia, che in cambio di denaro offrivano a clienti di professionisti l’estinzione di crediti da riscuotere a fronte di pagamenti minimi. E’ il cuore dell’indagine della Procura di Napoli, curata dall’aggiunto Fausto Zuccarelli, che ha portato a perquisizioni nelle sedi Equitalia ed alla notifica di 23 avvisi di garanzia per truffa ai danni dello Stato. Ad occuparsi del lato operativo dell’indagine, la Guardia di finanza del Comando Provinciale di Napoli, su delega della sezione criminalità economica della Procura. Sono state eseguite 38 perquisizioni. Gli accertamenti, oltre ad alcune abitazioni private, hanno riguardato in particolare gli uffici di via Bracco, dove i finanzieri sequestrato computer, documenti e materiale informatico.

Gli avvisi di garanzia riguardano 16 liberi professionisti, tra avvocati e consulenti, e 7 tra dirigenti, funzionari e impiegati di Equitalia Napoli.
"Si ipotizzano gravi irregolarita' nelle procedure di riscossione crediti, considerati estinti a fronte di pagamenti minimi, concordati tra consulenti e funzionari", si legge in una nota.

Nella truffa avrebbe avuto un ruolo primario un avvocato, che avrebbe favorito alcuni ricorsi presentati dagli utenti in cambio di denaro. Le indagini sono scattate in seguito a irregolarità riscontrate nel corso in un'altra inchiesta che coinvolgeva la commercialista Rosaria Dino, il marito Paolo Rescigno ed alcuni loro collaboratori, ora sotto processo di associazione a delinquere e frode fiscale.

Centinaia di lavoratori dipendenti si erano rivolti al loro studio per ottenere, attraverso false ricevute e fatture, rimborsi per inesistenti spese sanitarie.

Entrambe le inchieste sono delegate ai pm Ludovica Giugni e Stefano Capuano. La Dino e Rescigno sono tra le persone che oggi hanno ricevuto un avviso di garanzia; lo studio, che ha sede nella Galleria Umberto, è stato nuovamente perquisito.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©