Cronaca / Nera

Commenta Stampa

Questa mattina anche l'irruzione nella sede del Pdl

Bus dato alle fiamme, i disoccupati rivendicano il raid


Bus dato alle fiamme, i disoccupati rivendicano il raid
16/05/2009, 00:05

Un autobus dato alle fiamme ed un’irruzione nella sede del coordinamento regionale del Pdl. E una rivendicazione telefonica che pone in relazione i due raid. E’ stata una mattinata di protesta a Napoli, dove otto persone sono state denunciate.

Il primo raid si è consumato nel traffico, in piazza Carlo III, tra gli automobilisti. Quattro persone, tutte incappucciate, hanno bloccato un autobus ed hanno fatto scendere passeggeri ed autista. Poi hanno cosparso il mezzo di benzina ed hanno appiccato il fuoco, tra gli sguardi attoniti dei presenti. Un attimo dopo questo atto di guerriglia urbana i colpevoli si sono dileguati facendo perdere le proprie tracce. L’autobus è stato completamente distrutto dalle fiamme.

La rivendicazione è arrivata poco dopo. Un uomo, che si è definito disoccupato, ha telefonato all’Ansa ed in forma anonima ha lanciato un “avvertimento” al prefetto di Napoli, Alessandro Pansa, al questore Santi Giuffrè e all’assessore provinciale al lavoro, Bernardo Tuccillo. “Oggi abbiamo bruciato un autobus, - ha detto, - ma se il bando non sarà sospeso faremo cose molto più pericolose”. La rivendicazione è attendibile secondo la Digos: le indagini si stanno infatti concentrando proprio nell’ambito dei disoccupati. Nel caso specifico, l’uomo fa riferimento al bando relativo ai corsi di orientamento per disoccupati di lunga durata con fondi della Provincia di Napoli di provenienza ministeriale, che consentono di accedere alla formazione. Ma anche tra i disoccupati ci sarebbe una spaccatura: le due fazioni sarebbero quelle di chi chiedere l’attuazione immediata del bando e chi, invece, ne chiede la sospensione e l’applicazione solo dopo le elezioni per evitare clientelismi.

Sempre questa mattina, quasi contemporaneamente, il secondo raid. Obiettivo, la sede del coordinamento regionale del Pdl in piazza Bovio, a Napoli. Un gruppo di perone ha fatto irruzione rovesciando sedie e suppellettili. Sul posto sono intervenuti gli agenti del Reparto Mobile della Questura di Napoli, che hanno fermato e denunciato otto persone appartenenti alle organizzazioni dei disoccupati.

Commenta Stampa
di Nico Falco
Riproduzione riservata ©