Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Decisione shock della MaVib di Inzago (Milano)

"C'è crisi, licenziate tutte le donne"

"Così badano ai figli e poi hanno già un altro stipendio"

'C'è crisi, licenziate tutte le donne'
30/06/2011, 10:06

INZAGO (MILANO) - Una decisione shock della società MaVib di Inzago, in provincia di Milano: licenziare tutte le donne (13 su 30 dipendenti), per far fronte alla crisi. Lo denunciano i rappresentanti sindacali, facendo presente che già in precedenza le donne erano state messe tutte in cassa integrazione; ma in teoria poteva essere una coincidenza. Invece nei giorni scorsi è stato annunciato che al termine della cassa integrazione le donne sarebbero state licenziate, specificando che "quello portato a casa dalle donne è comunque il secondo stipendio".
Un atteggiamento duramente contestato dai sindacati, che hanno parlato di un ritorno al Medioevo. Ma soprattutto un atteggiamento lontano dalla realtà: una donna non sacrifica la propria vita alla carriera lavorativa. Spesso il secondo stipendio serve per avere un livello di vita dignitoso, dato che oggi un operaio guadagna meno di quanto sia necessario per vivere. Anche senza contare il fatto che oggi disoccupazione e cassa integrazione stanno colpendo tutti. Quindi quante di queste donne hanno bisogno del loro stipendio come unica fonte di sostentamento della famiglia?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©