Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Decisione balorda da parte della Provincia di Bolzano

"Caccia libera ai cervi nel parco dello Stelvio". E' polemica


'Caccia libera ai cervi nel parco dello Stelvio'. E' polemica
12/10/2018, 17:42

BOLZANO - Ci risiamo. Ancora una volta i politici dimostrano di non aver capito che i parchi nazionali non sono recinti da riempire di prede per dare ai cacciatori dei trofei. E così la Provincia di Bolzano ha deciso di dare il via libera ai cacciatori per poter uccidere i cervi nel Parco Nazionale dello Stelvio. La caccia resterà aperta dal 16 ottobre al 15 dicembre (cioè nel periodo in cui le femmine sono incinte e si muovono con più lentezza, ndr) ed è motivata ufficialmente, secondo una nota, con la necessità di "ridurre la densità della popolazione dei cervi, per ricomporre gli equilibri ecologici e prevenire l'impatto sull'attività agricola e sulla rinnovazione del bosco". In realtà non c'è nessun sovraffollamento di cervi. ma solo la voglia dei cacciatori di mettersi in casa una bella testa di cervo imbalsamata per poi bersi una birra con gli amici al bar. 

La questione si incrocia con la presenza dei lupi nello stesso parco. Infatti sono i lupi a tenere sotto controllo la popolazione di cervi. E uccidere i cervi significa rischiare che i lupi si rivolgano verso animali domestici, spinti dalla fame. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©