Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

Si attende esame del Dna

Cadavere in mare a Bari, abiti e oggetti di Straccia


Cadavere in mare a Bari, abiti e oggetti di Straccia
08/01/2012, 09:01

BARI  – Sarà l’esame del Dna a dire se il corpo ritrovato ieri, nel porticciolo del Rione Palese di Bari, sia di Roberto Straccia, 24enne originario di Moresco (Fermo), studente di lingue all'università di Pescara, scomparso lo scorso 14 dicembre.
Ieri pomeriggio, i familiari del giovane, arrivati nel capoluogo pugliese,   non hanno potuto  riconosciuto il cadavere , a causa delle pessime condizioni di conservazione del corpo, evidentemente troppe ore rimasto in mare;  ma alcuni  elementi hanno portato a credere al  padre,madre e la sorella del giovane, presenti al riconoscimento,  che il corpo sia proprio quello di Roberto.
Sono soprattutto gli indumenti, compatibili con quelli indossati dal 24enne il giorno della scomparsa, ad avvalorare la triste ipotesi.  Pantaloncini rossi con strisce laterali bianche, k-way blu e scarpe da ginnastica grigie, oltre all'iPod e ad un mazzo di chiavi. Quest'ultimi sono stati riconosciuti dalla madre come quelli del figlio.
A dare risposte certe, dunque, sarà  l'autopsia disposta dalla Procura di Bari, che sarà eseguita non prima di domani. La magistratura del capoluogo pugliese ha aperto un fascicolo per istigazione al suicidio, ma l'ipotesi di reato - spiegano fonti giudiziarie - e' un atto tecnico che consente agli inquirenti di disporre gli accertamenti necessari.
Intanto, fonti vicine alla Procura di Pescara, che sulla scomparsa di Straccia aveva aperto un fascicolo per sequestro di persona - un atto dovuto per consentire le indagini -, fanno sapere che il ritrovamento del cadavere ''non rafforza o indebolisce nessuna delle ipotesi fatte fino ad ora'' e ribadiscono che sarà  proprio l'autopsia a far luce su quanto accaduto. Ma gli amici del 24enne non credono che Roberto sia caduto in acqua, così  come continuano ad escludere il suicidio: ''Roberto non aveva alcun tipo di problema - affermano -, era un ragazzo perfetto. Se stava in mare, qualcuno ce l'ha messo...''.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©