Cronaca / Cronaca

Commenta Stampa

La sentenza del Tribunale civile

Cagliari: lo Stato dovrà risarcire vittima dell'uranio impoverito


Cagliari: lo Stato dovrà risarcire vittima dell'uranio impoverito
13/08/2011, 13:08

CAGLIARI - Quasi 600 mila euro: tanto dovrà pagare il Ministero della Difesa ai familiari di Valery Mellis, soldato di Quartu Sant'Elena, in provincia di Cagliari, morto a 27 anni a causa dell'avvelenamento causato dall'uranio impoverito assorbito durante la sua permanenza in Kosovo. Lo ha stabilito il Tribunale civile di Cagliari, dopo che la Procura del Tribunale penale aveva archiviato il processo.
Nella sentenza, si afferma che la morte del soldato, causata da un linfoma di Hodgkin, è strettamente legata all'avvelenamento dall'uranio impoverito. E si aggiunge che il Ministero della Difesa era perfettamente a conoscenza dei rischi, in quanto era stato informato nei dettagli da altro comando alleato.
Nella quantificazione, il Tribunale condanna il Ministero della Difesa a pagare 233.776 euro a ciascuno dei genitori del giovane e di 55.444 euro a ciascuno dei due fratelli, più 23 mila euro di spese processuali. In totale quindi lo Stato dovrà pagare 580 mila euro ai parenti del giovane.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©