Cronaca / Droga

Commenta Stampa

Caivano, arrestati vedetta e spacciatore


Caivano, arrestati vedetta e spacciatore
18/11/2011, 17:11

Ieri sera, gli agenti del Commissariato di Pubblica Sicurezza “Afragola” hanno arrestato, C.B. e A.D.A., entrambi 27enni di Caivano, per detenzione di sostanza stupefacente ai fini dello spaccio.

L’arresto è avvenuto a Caivano (Na), all’altezza del civico 20 di Via Cairoli, luogo ben noto ai poliziotti quale fiorente piazza di spaccio di sostanze stupefacenti.

Al loro passaggio C.B. ha allontanato un giovane con cui stava confabulando e cercando di dileguarsi all’interno della prospiciente corte,ha iniziato a gridare la parola “TONINO”, che a quanto appreso dagli stessi agenti nel corso della loro attività investigativa, nel locale gergo viene utilizzata per segnalare l’arrivo della Polizia. I poliziotti lo hanno quindi inseguito e raggiunto prima che potesse chiudersi dietro un grosso cancello di ferro che gli avrebbe protetto la fuga. Indosso aveva circa 175 euro in banconote di vario tagli che gli sono state sequestrate.

Contemporaneamente, altri poliziotti, si sono diretti all’interno della corte, nella direzione in cui C.B. aveva dato l’allarme gridando “TONINO”. Appena girato a destra hanno subito notato A.D.A., persona a loro nota, che alla loro vista ha tentato frettolosamente di disfarsi di un involucro termosaldato contenente sostanza stupefacente.

Il giovane è stato bloccato e l’involucro, prontamente recuperato è risultato contenere un grammo circa di cocaina. Perquisito, A.D.A. è stato trovato in possesso di una torcia e di 15 euro ritenuti frutto della vendita di un’altra dose di cocaina. Tanto il denaro che la droga sono stati sequestrati.

Il fatto che fosse stato sorpreso con una torcia tra le mani ancora accesa, ha fatto sì che si procedesse ad un immediata ispezione di un vicino locale privo di illuminazione. All’interno, tra calcinacci e materiale di risulta, i poliziotti hanno quindi trovato altre 11 dosi di cocaina per un totale di circa 10 grammi. C.B. e A.D.A. sono stati pertanto arrestati e subito condotti alla Casa Circondariale di Poggioreale.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©